Scarpe nuove al traguardo

Andrea de Carlo
Valutato 5.00 su 5 su base di 1 recensioni
(1 recensione del cliente)

8,00

Esaurito

Categoria:

Conosco Andrea da sempre ma so chi è dall’estate del 2007 in un villaggio nel Gargano.

Il viaggio nell’auto di Casimiro e Antonella me lo fanno conoscere cantante. Eh già! Andrea ha inciso un disco con le sue canzoni preferite, ne ha fatto delle copie e le ha regalate a parenti e amici.

L’inizio di un’illuminazione: “questo alla vita le ha promesso battaglia”, mi dico!

E così inizio ad ascoltarlo, con il suo sarcasmo, la battuta pronta e fulminea, quella sedia che non sta mai ferma.

“Questo se avesse avuto le gambe le avrebbe portate in giro per il mondo”, mi dico!

Nasce un’intesa che, piano piano, diventa amicizia. Le battute sagaci, il cinismo morbido che ci fa sorridere sotto i baffi e quei mille interessi che lo rendono piacevole.

Ma le sue scarpe una volta e le sue calze adesso, sempre ricercate e di buon gusto, (per inciso la ricerca del bello e dell’effetto lo ritroverete nei

termini che usa) rimangono nuove, non potrà mai consumarle se non con la sua mente che non conosce nè scarpe nuove, nè calze nuove, nè limiti.

Andrea è al suo primo traguardo, finalmente solo e solamente suo.

Ti aspetto al prossimo, Amico Mio.

Tommaso Greco

1 recensione per Scarpe nuove al traguardo
Andrea de Carlo

  1. Valutato 5 su 5

    http://lovebooks01.altervista.org/

    Insieme al traguardo arrivano anche i risultati e per Andrea De Carlo rappresentano il coronamento della sue fatiche. Con un linguaggio semplice, basato sulle contrapposizioni, crea scenari che profumano di nostalgia. I temi affrontati tra queste pagine riguardano le meraviglie della vita: la famiglia, l’amicizia, la natura, i ricordi, la libertà, il tempo, ma anche il dolore, il terrorismo e l’immigrazione. Nei versi si intravede uno spirito libero che fruga nelle profondità del suo animo e non si accontenta di un semplice orizzonte, ma cerca i colori con cui dipingere l’oltre. Per di più, il libro, e approfitto per fare i miei complimenti alla Pufa Editore, non si presta da semplice contenitore: la copertina è incentrata sull’essenziale, la prefazione e la descrizione dell’autore suscitano un’immediata simpatia e l’impaginazione lascia spazio alla fantasia. Un piccolo capolavoro, non c’è che dire!

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *