Copertina_Flusso_di_incoscienza

Flusso di incoscienza

Angelo Mansueto

10,00

Categoria:

L’unica prefazione di un libro è la mente di chi lo legge“. Senza alcuna pretesa di dare un giudizio oggettivo, ma con la massima grazia e in punta di piedi ho cercato di addentrarmi nell’anima del poeta: un viaggio straordinario attraverso i suoi desideri, le sue emozioni, le sue riflessioni sulla vita vissuta con passione nel bene e nel male. Chiunque ami scrivere, lo fa perché la sua ispirazione lo porta ad utilizzare le parole che non appartengono all’ordine della comunicazione quotidiana nel tentativo di esprimere innanzi tutto una condizione particolare dell’anima. E la magia della parola, che parla con voce propria all’orecchio di chi la legge, rivela la sincera ispirazione poetica di Angelo Mansueto; ogni agglomerato di vocali e consonanti sono di una bellezza e di una profondità di significati che la sola lettura non può cogliere; ogni parola va letta e ascoltata con il cuore. Ma cos’è che ha spinto l’autore ad affidare i suoi pensieri, le sue emozioni ai versi poetici? Il bisogno di ricordarle innanzitutto: “Il ricordo è un ozio di privilegio, invecchiato per bene e con cura, imbottigliato senza anidride carbonica. L’ozio, quello a basso costo, rappresenta l’intervallo tra il sentire ed il pensare, l’impercettibile comunicazione tra il respirare e la pura visione del tempo.” I versi accorciano le distanze spazio-temoprali e talvolta le annullano. Il poeta affida le sue esperienze ai versi perché solo fuori dal tempo, in un cono di luce di pari grandezza del giorno, può ritrovarle o riviverle quando ne sentirà il bisogno, poiché tutto ciò che è nel tempo muore e si dimentica. E se il poeta rappresenta l’esilio dell’uomo da ogni uomo, la memoria, che è solo una trincea per i vili, capaci soltanto di abbellire ricordi, sottraendosi alla vita, servendosi di essa per imprigionarsi e non avere nessun dovere di sorta, è solo il punto di partenza di questo viaggio. Da lettrice attenta, senza alcuna presunzione, ho letto i versi di Angelo Mansueto più volte con lo stupore e l’ansia di chi apre un regalo. Questa raccolta è proprio un dono che l’autore fa di sè al lettore.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Flusso di incoscienza
Angelo Mansueto

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *